Luna piena e papaveri.

Mix di seduzione, femminilità, pienezza, oblio, dubbi e immaginazione, finta passione, storditezza…

In questo mese di maggio nei campi non coltivati e sui bordi delle strade è facile trovarli e difficile resistere alla tentazione di non raccoglierli.

Il papavero o “papoula dormideira” è la prima pianta ad essere utilizzata per estrarre gli alcaloidi.

La luna piena di questo mese, la super luna è infatti la luna dei fiori (occhio alla prossima super luna: il 24 giugno!) e se non è sufficiente, arriva l’eclisse il 26 maggio!

Luna Dei Fiori – tecnica mista 15×20 cm

Con tutte queste energie forti ed opposte, l’invito è la creazione di un giardino, il giardino del cuore; la celebrazione della bellezza, ovvero l’accettazione del proprio corpo e lo star bene con sè stesse, sentirsi femmine, donne, meglio se selvagge. O come l’imperatrice dei tarocchi di Marsiglia che significa creare ed agire, comunicare ed esprimersi. Non è a caso che la festa della mamma è a maggio per celebrare gli attributi della donna, colei che crea, che feconda, che nutre e fiorisce.

Ogni madre ha un messaggio, così come ogni luna ha il suo ed il nostro giardino va curato e pulito togliendo rami secchi come la paura e le delusioni, sensi di colpa e abbandono. Va rimossa la terra per poi piantare il seme dell’Universo e far nascere bellissimi fiori, godere di noi stesse, curarsi, amarsi.

Buon giardinaggio a tutte!

I nidi degli uccellini

Gli uccelli sono sempre stato collegati alla spiritualità, a coloro che non ci sono più e come mediatori tra il cielo e la terra. Soltanto in Africa loro sono visti come simbolo di vitalità.

tecnica mista su pannello telato 15x20cm in cornice fiorentina

In India, nell’Upanishad si dice che ci sono due tipi di uccelli, uno rappresenta l’anima attiva che si nutre dei frutti dell’albero del mondo, l’altro invece non si nutre perché è lo spirito assoluto, saggio e illuminato.

In Occidente, gli uccelli rappresentavano le visioni profetiche e, forse per questo, i cherubini e gli angeli nel cristianesimo hanno tutti le ali. In Oriente, nel libro del Tao si legge che gli immortali hanno sembianze di uccelli.

Il nido a sua volta è l’archetipo della dimora. Vediamo cosa rappresenta simbolicamente, metaforicamente e spiritualmente i nidi di uccelli.

I nidi rappresentano prima di tutto il grembo materno, ciò che sta prima della nascita, la culla, il calore, il focolaio. E’ anche il rifugio, la ricerca di una casa, simboli di protezione e di conforto.

Pensare al nido, o pensare di costruire un nido può significare non pensare agli essere umani ma ben sì a tutte le popolazioni che esistono nei vari mondi spirituali.

Così come costruire una casa, il nido viene costruito con lentezza e cura, infatti rametto dopo rametto, un pò di paglia, piuma, muschio e spesso con dei fili di plastica o di materiali sintetici trovati nell’ambiente dove l’uomo ha inquinato. Ho trovato un nido abbastanza grosso nel bosco dove l’intreccio è stato fatto con l’aggiunta di cordoncini di plastica! Si vede che qualcosa non appartiene a quella costruzione e ciò mi crea un certo sconforto nonostante io sia rimasta colpita dalla capacità di adattamento degli uccelli.

Fare un nido significa stabilire una casa nel pianeta, a volte desideriamo avere una casa sull’albero proprio come se fossimo degli uccelli, il sogno di ogni bambino! E in effetti il nido ha la connotazione con l’infanzia ma anche con la morte, con la “cova”, parola che dal portoghese significa sepoltura.

Voglio invece alleggerire concludendo con una frase del Canto XI del Purgatorio, Divina Commedia di Dante Alighieri:

“così ha tolto l’uno a l’altro Guido
la gloria de la lingua; e forse è nato
chi l’uno e l’altro caccerà del nido”.

titolo: “nido del Mugello” tecnica mista 13×18 con cornice artigianale fiorentina

Primavera, luna piena e resurrezione

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è psx_20210326_1524282591024373314560460.jpg

E’ appena passato l’equinozio di primavera e porta con sé la Luna della Lepre. Questa luna annuncia la Rinascita, l’energia luminosa che attiva i campi e porta fertilità. Viene chiamata luna della lepre perché per gli sciamani questo animale è capace di rigenerare, la femmina può avere fino a tre gravidanze nell’arco della stagione, ed è l’animale che rappresenta la resurrezione.

Gravidanze…questo mi fa ripensare a ciò che ha detto Igor Sibaldi, filologo, scrittore, regista, che afferma: adesso è il momento di restare incinti. E’ ora di restare incinti tutti, di nuovi progetti, di nuove idee; è il momento di prepararsi per il futuro che verrà, pur non sapendo come sarà esattamente ma intanto non dobbiamo trovarci impreparati. Restare incinti è colmarsi di qualcosa ora e adesso, pensando al mondo che verrà.

Tra qualche giorno sarà Pasqua ed è il momento in Gesù mostra il suo corpo di luce a Maddalena. E qui abbiamo il maschile ed il femminile, è quando queste due energie si fondono per la rigenerazione, e la luna piena di aprile apre le porte al piacere.

L’invito a ritrovare l’equilibrio interiore, alla creazione e riproduzione, perciò ho scelto come pianta selvatica la Borragine che si trova tutto l’anno e parlando di equilibrio, questa è ricca di fitoestrogeni che aiutano a regolarizzare le funzioni ormonali, è ricca di calcio e omega-6, potassio e tannini, tutto ciò aiuta le funzioni cardiovascolari ma anche le funzioni surrenali e ghiandolari. E’ ricostituente del sistema nervoso.

Festeggiamo insieme questo momento di rinascita!